ENAS E SCUOLA DI MEDICINA DI BARI: FIRMA CONVENZIONE PER SECOND-OPINION ASSISTENZIALE ITALIANA ED ESTERA

Venerdì 8 Luglio alle ore 14.30 presso il Policlinico di Bari – Presidenza Scuola di Medicina, verrà firmata Convenzione tra Patronato ENAS (Ente Nazionale Assistenza Sociale – Patronato UGL) alla presenza del Presidente Nazionale Dott. Stefano Cetica e SCUOLA DI MEDICINA (Università degli Studi di Bari) alla presenza del Prof. Loreto Gesualdo (Presidente della Scuola di Medicina) e del Prof. Rosario Polizzi (past-President del Consiglio di Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia), finalizzata alla realizzazione di una second-opinion assistenziale a favore di tutte le sedi ENAS italiane ed estere.

La second-opinion è una risorsa preziosa quando ci si trova di fronte a situazioni di salute difficili per cui occorre scegliere la migliore opzione di cura. Una stessa patologia può presentarsi in maniera dissimile in diversi individui e, non esistendo percorsi di cura prestabiliti validi per ogni ammalato, è importante ricorrere ad un ulteriore parere per confrontare, correggere o confermare la prima diagnosi o indicazione terapeutica.

Le second-opinions ormai abbastanza comuni in tutto il settore sanitario sono spesso utilizzati dai medici per fornire la migliore assistenza possibile ai loro pazienti.

L’ENAS in accordo con la scuola di medicina di Bari mira a fornire questo fondamentale strumento anche ai medici che operano in zona fortemente disagiate dal punto di vista sanitario.

L’ incontro del 8 Luglio porrà, infatti, attenzione anche sul progetto umanitario che l’ENAS, congiuntamente alla scuola di medicina nelle persone dei Prof. Polizzi e Gesualdo, sta organizzando in zone a rischio sanitario quali Angola ed Uganda. A tal proposito è prevista una visita dei Prof. Rosario Polizzi e Paolo Livrea a Benguela (Angola) per la prima settimana di Settembre, e del Prof. Loreto Gesualdo in Uganda per il prossimo Ottobre.

Il prof. Polizzi conferma la volontà delle Scuola di Medicina di inviare alla Università di Benguela quanto concordato con i medici della università angolana in occasione della loro visita al Policlinico dello scorso aprile.

Top