Renata Polverini ed il Ministro Damiano in accordo contro il caporalato.

CNFmQalWIAANkMQCon oggi si è concluso il tour che l’Ugl, capeggiata dal Segretario nazionale Paolo Capone, dal vicepresidente della commissione Lavoro e deputata di Fi Renata Polverini, dal Dr. Stefano Cetica e dallo staff confederale composto da Giuseppe Carenza e Claudio Durigon, ha svolto in Puglia ed in particolare tra le provincie di Bari e Foggia. A seguito non solo di quanto accaduto e di già noto alle cronache relativamente allo sfruttamento del lavoro nelle campagne pugliesi ed italiane e delle relative morti, e di quanto osservato in queste zone, nonchè della pianificazione sindacale e politica, l’On. Polverini ha chiesto a gran voce che si assumano iniziative serie e sistematiche: “Il caporalato è un fenomeno grave con conseguenze drammatiche per tante lavoratrici e lavoratori sfruttati nei campi d’Italia, non solo della Puglia. Quello che appare evidente, se si viene in questa terra, è che l’illegalità non è sufficientemente combattuta dalle istituzioni, locali e nazionali. Proporrò immediatamente alla commissione Lavoro della Camera – conclude la Polverini – di assumere ogni iniziativa possibile per approfondire questo fenomeno ed indagare i motivi e le responsabilità del mancato controllo del territorio. In questi mesi, ho letto tante dichiarazioni fuori luogo del Presidente dell’Inps, Boeri, per esempio, e tante dichiarazioni di intenti da parte del Presidente del Consiglio Matteo Renzi, ma non mi sembra che su questo autentico dramma ci sia l’impegno dovuto sul fronte della sicurezza e della dignità del lavoro”.

Proprio a seguito di questa iniziativa e della dura posizione dell’On. Polverini, ha promosso e dimostrato notevole apprezzamento a quanto dichiarato in una nota anche il Ministro del Lavoro Damiano: “Sono d’accordo con l’onorevole Polverini: occorre che la Commissione Lavoro della Camera promuova un’indagine conoscitiva sul lavoro in agricoltura”. “Oltre a essere uno sfruttamento bestiale dei lavoratori, il caporalato e il lavoro nero – spiega Damiano – sottraggono preziose risorse di contributi alla collettività. Va dunque promossa un’azione su più fronti: cancellare le cooperative ‘senza terra’ e quelle ‘spurie’ che praticano il dumping sociale, stipulando un Protocollo d’intesa con le confederazioni del lavoro agricolo; punire in modo esemplare le aziende che utilizzano il lavoro irregolare e privarle della possibilità di accedere ad incentivi nazionali e comunitari e promuovere l’utilizzo dei voucher”.

Forte sarà dunque l’impegno politico assunto dal sindacato confederale Ugl anche attraverso le sue sedi localizzate sul territorio nazionale, con particolare impegno per la sede regionale pugliese, regione che possiede un pil quasi tutto retto dall’agricoltura e dalla commissione lavoro attraverso l’On. Polverini per tentare di risolvere con soluzioni e non con semplici parole e dichiarazioni il problema scottante del caporalato e dello sfruttamento del lavoro.

The following two tabs change content below.
Scrittore, giornalista, autore di poesie ed opere letterarie, seo specialist, informatico e web designer.

Scrittore, giornalista, autore di poesie ed opere letterarie, seo specialist, informatico e web designer.

Related posts

Top